When you’re fi

Di vento di pietra di polvere. MaterAfrica

14,00

  • Testi: Maurizio Camerini, Michele Di Lecce
  • ISBN: 9788897906384
  • Formato: 16,5 x 23 cm
  • Pagine: 96

© 2016

Categoria:

Descrizione

La polvere riveste i sentieri dove si cammina scalzi, dove c’è un silenzio sonoro di foglie. E così si deposita il senso del tempo nella dura monotonia della boscaglia evanescente dell’altopiano africano, nel suo dissolversi e ricomporsi, tra le ali del tramonto. Il tempo si deposita in granelli, scende verso le radici e poi si solleva nell’aria, nelle radici e nell’aria di tutti. Negli antichi linguaggi  il tempo si nominava come luogo. La strada è una pista, un sentiero, un argine, la rima di una bolgia, una traccia, un cerchio magico di rituali: vi si leggono le orme lasciate dagli antenati insieme ai tank bruciati dell’ultima guerra. Vento nell’imbuto secco dove ha origine il confine, l’idea di confine, nel suo essere invisibile eppure presente. L’origine e il presente dentro l’imbuto secco. Nell’imbuto scorre il sangue del futuro, le genealogie che si fanno umide, trasparenti, veloci, transumanti. La parola è lì, nella pietra indissolubile e porosa alla lenta erosione dei tempi, vento e pioggia o calunnia dell’uomo. La parola è accolta dal falco e dal vento, si nutre di pensieri inesplicabili, di alfabeti scomparsi, di genealogie perpetue. Eppure è lì, dietro l’ombra di un passo solitario nel deserto di rocce, di murgia e calanchi, traluce al sudore rarefatto di inquieti passanti, nomadi della memoria che sostano nei solstizi invernali.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Di vento di pietra di polvere. MaterAfrica”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *